Aggiornamento di Sheldan Nidle per la Gerarchia Spirituale e la Federazione Galattica

19 agosto 2003  (10 Batz, 4 Uo, 12 Manik)

Selamat Jarin! Eccoci nuovamente con voi, Carissimi, con molto di cui parlare. I temi recentemente trattati vertevano sulle origini della nostra galassia, nonché sull’organizzazione delle nostre collettività. In quei messaggi, vi abbiamo anche fornito alcune informazioni, sia pur brevissime, sui nostri mondi d’origine. Oggi, desideriamo parlarvi delle nostre astronavi, dei viaggi interstellari e dei fenomeni associati al Tempo. I nostri veicoli sono Esseri organici e viventi. Una volta approntati, noi chiamiamo l’operazione finale “la nascita” o “Shapak”, in siriano. Man mano che diventate sempre più consci di come la coscienza avviluppi qualsiasi cosa del Creato, comprenderete meglio le nostre parole. L’universo fisico è effettivamente un Essere vivo e cosciente. Qualsiasi cosa voi creiate, sia essa una forma- pensiero o un oggetto materiale, deve essere compresa in questo senso. Le nostre astronavi, dotate di computer organici d’alta tecnologia, sviluppano al massimo la consapevolezza: esse sono, infatti, in grado d’interagire con noi a qualsiasi livello. Presto, queste meraviglie tecnologiche appariranno innanzi a voi quali Esseri viventi e altamente intelligenti.

  Uno dei nostri maggiori prodigi tecnologici sono i viaggi interstellari. Questi “balzi” da un sistema solare all’altro sono resi possibili dalla struttura stessa della fisicità. Ogni realtà emette una serie specifica di sequenze, che si riflette in vari modi sulle realtà circostanti. Le realtà sono separate da flussi energetici (iperspazio), vere e proprie “pareti” simili all’epidermide umana. Quest’enorme membrana energetica è interconnessa e forma le griglie di ogni dimensione. Le dimensioni, a loro volta, sono collegate da una variante del flusso energetico di cui sopra. Per spostarsi da un punto all’altro, non occorre trovare o produrre dei cunicoli (wormehole), ma semplicemente aumentare le frequenze fino a raggiungere la soglia energetica della realtà verso cui si è diretti. Una volta raggiunta tale frequenza, si sparisce dalla realtà originariamente occupata. Accedendo ai nuovi flussi energetici, occorre adeguare la propria frequenza a quella della destinazione. In relazione alla complessità dello schema di frequenze di una data realtà, il balzo interstellare necessita da tre a sette minuti.

  Per portare a termine quest’operazione, abbastanza complessa, occorre innestare una serie di complicati sistemi, cui solo   un’avanzata tecnologia consente l’accesso. I nostri computer organici sono la riproduzione amplificata del nostro cervello. La mente è molto di più di una raccolta di materiale organico, collegata ad una fantastica rete neurale: essa fornisce i mezzi che consentono di manifestare in forma fisica, la coscienza. L’Universo è formato da molteplici elementi separati connessi tra loro dalla coscienza, che si esprime in tre forme principali. La prima: l’elemento sacro fondamentale, il Piano divino stesso. La seconda: l’essenza spirituale, il Cielo ed i suoi aspetti infiniti. E infine: la grande illusione della coscienza fisica, che rappresenta la sfida proposta dal Piano divino. Quantunque noi operiamo nella materia, ci manifestiamo anche nei regni spirituali, secondo un processo attentamente monitorato dal cervello e dal suo alleato, il sistema nervoso. I nostri computer organici di bordo funzionano in modo analogo, realizzando gli stessi scopi: l’unica differenza è che spetta a noi fissarne gli obiettivi.

  Cosi come voi e noi, Carissimi, siamo avvolti in un grande e distintamente stratificato Corpo di Luce, lo stesso è stato ricreato per le nostre astronavi. Questo campo energetico stratificato è l’elemento essenziale della nostra tecnologia perché ci consente di adeguare l’energia del veicolo e spostarci in tal modo, da una stella all’altra. Inoltre, rotando a volontà i campi energetici, possiamo creare la differenza d’inerzia, necessaria per navigare e spostare le nostre astronavi a grande velocità, indipendentemente dall’elemento fisico attraversato. Non dimenticate mai che la materia è soltanto un aspetto della Luce e del Tempo che, unitisi, hanno generato lo spazio fisico. Quest’ultimo è creato conformemente alle direttive, che la collettività senziente impone alla propria realtà. Spostandosi da una realtà ad un’altra, è possibile avvalersi delle norme in vigore in ciascuna realtà; allo stesso modo, il Corpo di Luce “artificiale” di un’astronave è in grado di sfruttare le medesime norme per passare attraverso qualsiasi tipo di materia. Nonostante il vostro Corpo di Luce possegga i medesimi attributi, voi vi avete temporaneamente rinunciato per adeguarvi alle norme della vostra realtà corrente.

  È indubbio, Carissimi, che Dio ha dotato noi tutti d’infinite capacità e quelle delle nostre astronavi sono anch’esse illimitate. Le nostre tecnologie rispecchiano il nostro stesso modo d’operare nella materia: noi, infatti, percepiamo, ordiniamo e manifestiamo. Noi definiamo ciò di cui abbiamo bisogno, adattiamo tale desiderio alla struttura o alla griglia atta a manifestarlo e il resto avviene in maniera del tutto naturale. I nostri computer operano sugli stessi principi. Data la loro estrema sensibilità, possono connettersi a noi ed aiutarci in tutti i modi, manifestando i nostri desideri e assistendoci nelle varie attività che svolgiamo. Essi hanno sviluppato il concetto di “programmazione” al più alto livello, mettendoci in grado di comprendere esattamente come funziona una determinata realtà, e dandoci un’idea completa dei suoi abitanti e della loro civiltà.

  Gli elementi più importanti di cui desideriamo oggi parlarvi sono la Luce e il Tempo. La Luce è l’elemento etereo, fondamento della fisicità, ed ha bisogno del suo partner, il Tempo, per esprimere una realtà. Il Tempo è il modello o ritmo della Creazione e può adattarsi a qualunque cosa che il Piano divino desideri. Tale innata flessibilità rende il Tempo assolutamente unico e d’estrema importanza per la fisicità. Quest’ultima, infatti, è basata su modelli, che rientrano nel dominio assoluto del Tempo. Quando capirete il Tempo ed il suo infinito potenziale, potrete cominciare a comprendere come il Piano divino ha costruito la materia. Gli infiniti tipi di ritmi, provocano il manifestarsi della Luce nelle molteplici dimensioni e realtà, che compongono la fisicità. Per noi, i calendari illustrano i diversi contesti, poiché ognuno di loro è la manifestazione di una determinata realtà. I calendari galattici, inoltre, consentono di misurare in qualsiasi momento il potenziale della realtà in oggetto. 

  La natura del Tempo è contemporaneamente sequenziale e no. In esso, quello che voi percepite come passato, presente e futuro, convergono. L’integrazione del Tempo si basa sul nostro bisogno di sperimentare la materia onde poter comprendere le sfide proposte dal Piano divino: vale a dire, percepire l’illusione della materia e vedere come usarla per acquisire saggezza. Quest’ultima modifica le realtà e rende possibile l’attuazione del Piano divino. Ogni minimo particolare di ciascuna esperienza di vita, ci permette di raggranellare saggezza, che viene poi usata per realizzare il Piano divino relativo alla presente Creazione. Di conseguenza, il Tempo occupa un posto particolare in ogni aspetto della fisicità: onorato nei suoi ritmi e celebrato per la saggezza, che ci offre. Quel che più conta, il Tempo è riconosciuto come il regolatore, che definisce ogni singola realtà.

  Con l’aiuto della Luce, il Tempo manifesta la materia, ed entrambi sono egualmente importanti. Quando avrete trasceso le barriere imposte dai vostri preconcetti o dalla “scienza”, comincerete a capire che qualsiasi limite è pura invenzione. Non appena cessa di essere considerata un’impenetrabile barriera, la velocità della luce può essere superata con la facilità di quella del suono. Un Corpo di Luce viaggia alla stessa velocità del pensiero divino. La materia può essere convertita nei suoi elementi, portata dove si vuole e ricomposta a destinazione. La relatività non è una legge divina, ma soltanto una teoria, e per di più errata! Carissimi, voi state appena cominciando a scoprire il vostro potenziale. Le possibilità di quest’Universo sono infinite: il vostro compito consiste nel riscoprirle, ed in seguito applicare questa conoscenza alla vostra realtà e a tutto il resto della fisicità.

  Oggi abbiamo visto come le nostre astronavi si spostano da un punto all’altro. Vi abbiamo illustrato anche come la Luce e il Tempo operino insieme per creare l’universo fisico. Vi chiediamo di meditare su questi concetti per comprendere quale Essere, importante e complesso voi effettivamente siete. Il grande cambiamento di cui vi parliamo, sta per prodursi: fate la vostra parte e godetevelo! Ci congediamo ora benedicendovi tutti: sappiate che l'infinita Prosperità e Abbondanza del Cielo sono vostre! Amen. Selamat Gajun! Selamat Kasijaram (in siriano: Siate Uno! Siate benedetti nella Gioia!).

 

Planetary Activation Organization - Mailing address: P.O. Box 880151, Pukalani, Maui 96788-0151. U.S.A. Voicemail:

(808) 243-0728 - Fax: (808) 573-2867 - E-mail: pao@hawaii.rr.com Website address: www.paoweb.com

(traduzione: Costanza)

 

                                               Indietro